Se l'(i)talia deve ripartire, riparta sul serio!!!

A cosa serve sperare che le cose cambino se si continua a non cambiarle?
Non sono solo gli #anacronistici privilegi ai politici.
Vanno rivisti gli sprechi pubblici, in generale.
Va ridimensionata la classe dirigente, quella dei manager.
Va ridimensionata l’economia sportiva, pubblicitaria e ogni altri indotto ovvero vettore collegato.
La spesa pubblica che oggi si aggira intorno agli 800 (ottocento)
miliardi di euro, va quindi ridotta almeno del 40%, da subito.
Nessun allarme, si dovra’ intervenire solo su chi fino ad oggi ha fatto vita fuori dalla realta’ economica del paese, che oggi e’ sull’orlo della bancarotta.

Non esiste impresa che possa prosperare in (i)talia dove la tassazione inibisce la crescita.
Dov’e’ la ricchiezza reale, o meglio, come si ottiene?
L'(i)talia e’ un paese ormai alla marce’ delle #lobby e #mafie.
La popolazione sta invecchiando e non c’e’ ricambio generazionale. L’italiano si sta estinguendo, parliamoci chiaro.
Ecco allora la trovata furbesca dei #parassiti:
applicare il Piano #Kalergi. Riempire il territorio di #clandestini
pericolosi e assicurare in seguito almeno i #privilegi ai #politici e alla classe dirigente.
Invece di seguire e ubriacarvi di calcio e concerti, prendete coscienza di cio’ che sta accadendo a pochi centimetri oltre il vostro naso; riunitevi in comitati, associazioni, fate qualcosa per risvegliare le coscienze e riattivare la vostra ghiandola pineale!!!!

Se l'(i)talia deve ripartire, riparta sul serio.
Basta prenderci in giro!!!

Precedente “Ah, se la gente sapesse come viene creato il denaro farebbe la rivoluzione prima di domattina“ Successivo Stanno facendo sperimentazione climatica, senza il nostro consenso!!