Le 25 regole del terrore a cura della Massoneria

Gli uomini che controllano gli Illuminati fanno parte di tredici delle famiglie più ricche del mondo, hanno il compito di gestire il pianeta da dietro le quinte per condurlo al Nuovo Ordine Mondiale, una di queste famiglie è Rothschild. Gli Illuminati, e chi con loro controlla queste Società, sono Satanisti
e praticano la magia nera. Il loro Dio è Lucifero e attraverso pratiche e riti occultimanipolano e influenzano le masse. Il loro obiettivo è quello del culto di Lucifero, il controllo della Società tramite le logge massoniche, il potere assoluto e la schiavizzazione della massa che si assoggetta a loro volontariamente tramite un indottrinamento quotidiano attuato tramite vari mezzi che operano sulla psiche. E’ sconvolgente leggere la “Dottrina del Terrore” di Amschel Mayer Rothschild, nonostante sia un piano risalente al 1773, i 25 punti redatti possono essere riscontrabili nella realtà attuale. Nel 1773Mayer Rothschild convocò dodici uomini ricchi di Francoforte e chiese loro di mettere in comune le loro risorse; poi presentò un piano in 25 punti che avrebbe consentito loro di ottenere il controllo delle ricchezza, delle risorse naturali e della manodopera di tutto il mondo. Ecco i 25 punti:
1. Usare la violenza e il terrorismo, piuttosto che le discussioni accademiche.
2. Predicare il “Liberalismo” per usurpare il potere politico.
3. Avviare la lotta di classe.
4. I politici devono essere astuti e ingannevoli – qualsiasi codice morale lascia un politico vulnerabile.
5. Smantellare “le esistenti forze dell’ordine e i regolamenti. Ricostruzione di tutte le istituzioni esistenti.”
6. Rimanere invisibili fino al momento in cui si è acquisita una forza tale che nessun’altra forza o astuzia può più minarla.
7. Usare la Psicologia di massa per controllare le folle. “Senza il dispotismo assoluto non si può governare in modo efficiente.”
8. Sostenere l’uso di liquori, droga, corruzione morale e ogni forma di vizio, utilizzati sistematicamente da “agenti” per corrompere la gioventù.
9. Impadronirsi delle proprietà con ogni mezzo per assicurarsi sottomissione e sovranità.
10. Fomentare le guerre e controllare le conferenze di pace in modo che nessuno dei combattenti guadagni territorio, mettendo loro in uno stato di debito ulteriore e quindi in nostro potere.
11. Scegliere i candidati alle cariche pubbliche tra chi sarà “servile e obbediente ai nostri comandi, in modo da poter essere facilmente utilizzabile come pedina nel nostro gioco”.
12. Utilizzare la stampa per la propaganda al fine di controllare tutti i punti di uscita di informazioni al pubblico, pur rimanendo nell’ombra, liberi da colpa.
13. Far si che le masse credano di essere state preda di criminali. Quindi ripristinare l’ordine e apparire come salvatori.
14. Creare panico finanziario. La fame viene usata per controllare e soggiogare le masse.
15. Infiltrare la massoneria per sfruttare le logge del Grande Oriente come mantello alla vera natura del loro lavoro nella filantropia. Diffondere la loro ideologia ateo-materialista tra i “goyim” (gentili=non ebrei, i cristiani).
16. Quando batte l’ora dell’incoronamento per il nostro signore sovrano del Mondo intero, la loro influenza bandirà tutto ciò che potrebbe ostacolare la sua strada.
17. Uso sistematico di inganno, frasi altisonanti e slogan popolari. “Il contrario di quanto è stato promesso si può fare sempre dopo…Questo è senza conseguenze”.
18. Un Regno del Terrore è il modo più economico per portare rapidamentesottomissione.
19. Mascherarsi da politici, consulenti finanziari ed economici per svolgere il nostro mandato con la diplomazia e senza timore di esporre “il potere segreto dietro gli affari nazionali e internazionali.”
20. L’obiettivo è il supremo governo mondiale. Sarà necessario stabilire grandi monopoli, quindi, anche la più grande fortuna dei Goyim (cristiani) dipenderà da noi a tal punto che essi andranno a fondo insieme al credito dei dei loro governi il giorno dopo la grande bancarotta politica.
21. Usa la guerra economica. Deruba i “Goyim” (cristiani) delle loro proprietà terriere e delle industrie con una combinazione di alte tasse e concorrenza sleale.
22. Fai si che il “Goyim” distrugga ognuno degli altri; così nel mondo sarà lasciato solo il proletariato, con pochi milionari devoti alla nostra causa e polizia e soldati sufficienti per proteggere i loro interessi.
23. Chiamatelo il Nuovo Ordine. Nominate un Dittatore.
24. Istupidire, confondere e corrompere e membri più giovani della società, insegnando loro teorie e principi che sappiamo essere falsi.
25. Piegare le leggi nazionali e internazionali all’interno di una contraddizione che innanzi tutto maschera la legge e dopo la nasconde del tutto. Sostituire l’arbitrato alla legge.
Amshel Mayer Rothshild 1773
Viene di seguito riportato il documento pubblicato su “Chiesa Viva”

LA “DOTTRINA DEL TERRORE”
Anno 1773. Poco prima di presentare il suo piano, in 25 punti, per “dominare le ricchezze, le risorse naturali e la forza lavoro di tutto il mondo”, Amschel Mayer Rothschild, ai suoi dodici ascoltatori, svelò «come la Rivoluzione Inglese (1640-60) fosse stata organizzata e mise in risalto gli errori che erano stati commessi: il periodo rivoluzionario era stato troppo lungo, l’eliminazione dei reazionari non era stata eseguita con sufficiente rapidità e spietatezza e il programmato “regno del terrore”, col quale si doveva ottenere la rapida sottomissione delle masse, non era stato messo in pratica in modo efficace. Malgrado questi errori, i banchieri, che avevano istigato la rivoluzione, avevano stabilito il loro controllo sull’economia e sul debito pubblico inglese». Rothschild mostrò che questi risultati finanziari non erano da paragonare a quelli che si potevano ottenere con la Rivoluzione francese, a condizione che i presenti si unissero per mettere in pratica il Piano rivoluzionario che egli aveva studiato e aggiornato con grande cura.
Ecco la “dottrina del terrore” contenuta in questo Piano.
«Il miglior risultato che si può ottenere, nel governare gli uomini, può essere raggiunto solo con l’uso della violenza e del terrorismo… La Legge è un mascheramento della forza. Per le leggi della Natura, il Diritto si fonda sulla forza».
«La nostra politica deve essere quella di fomentare le guerre, per sprofondare sempre di più le nazioni nel loro debito, e di dirigere le Conferenze di Pace».
«Il “nostro Stato”, marciando lungo la strada della conquista pacifica, ha il diritto di rimpiazzare gli orrori delle guerre con le meno evidenti, ma più efficaci sentenze di morte, necessarie a mantenere il “regno del terrore” che genera la cieca sottomissione».
«Grazie alla nostra stampa, noi abbiamo ottenuto l’oro nelle nostre mani, nonostante il fatto che noi abbiamo dovuto raccoglierlo da oceani di lacrime e sangue».
«Quando le condizioni rivoluzionarie giungeranno al punto più basso, e le masse, già soggiogate con le privazioni e col terrore, i nostri agenti dovranno apparire in scena, ma solo dopo che essi hanno portato a termine il nostro pianificato “regno del terrore”. Mettendo a morte questi nostri agenti, noi appariremo come i salvatori degli oppressi, mentre invece noi siamo interessati proprio all’opposto, e cioè alla riduzione e all’uccisione dei Goym (cristiani)».
«Noi provocheremo la depressione industriale e il panico finaziario. La disoccupazione e la fame, imposte alle masse, creerà il diritto del capitale di regnare in modo più sicuro».
«Il “regno del terrore” dovrà accompagnare ogni sforzo rivoluzionario, perchè questo è il mezzo più economico per portare la popolazione ad una rapida sottomissione».
«Creeremo monopoli immensi e riserve di tale ricchezza colossale che persino le ricchezze più grandi dei Goym (cristiani) dipenderanno da noi in tale misura che essi raggiungeranno il fondo insieme al credito dei loro Governi, il giorno dopo la GRANDE CATASTROFE POLITICA».
«Spoglieremo i Goym delle loro proprietà terriere e industriali con una combinazione di tasse e concorrenza sleale e li porteremo alla rovina economica nei loro interessi finanziari nazionali e nei loro investimenti».
«Gli aumenti salariali, ottenuti dai lavoratori, non dovranno beneficiarli in alcun modo».
«Lanceremo una corsa agli armamenti in modo che i Goym si possano distruggere a vicenda, su scala colossale e, alla fine, nel mondo, non rimarranno altro che masse di proletariato con pochi milionari devoti alla nostra causa, con forze militari e di polizia sufficienti a proteggere i nostri interessi».
«I nostri agenti dovranno infiltrarsi in tutte le classi, a tutti i livelli della società e del Governo, per raggirare, confondere e corrompere i più giovani della società, insegnando loro teorie e princìpi che noi sappiamo essere falsi».
«I Governi dell’Occidente non potranno sollevarsi contro di noi, perché, noi creeremo, nelle capitali e nelle città di tutti i paesi, un’organizzazione di un tale TERRORE TERRIFICANTE da far tremare anche i cuori più gagliardi»

Fonti: http://rominamalizia.wordpress.com/2013/03/06/massoneria-illuminati-i-25-punti-della-dottrina-del-terrore-di-rothschild/

Basta un “Mi Piace” per aumentare la visibilità di questa pubblicazione e permettere ad altri di vederla e condividerla. Clicca su “Mi Piace”

marionette

SHOCK! Il più grande Crimine (VERSIONE INTEGRALE) di Paolo Barnard

Pubblicato il 27/feb/2013
http://paolobarnard.info

DIVULGA QUESTO VIDEO PRIMA CHE LO CENSURINO!

Quello che televisione e giornali non vi faranno MAI vedere.
Un tributo doveroso a quest’uomo, Paolo Barnard, che cerca in tutti i modi di esporre alcune durissime verità a quelli che hanno ancora voglia di conoscerle, a coloro che non si sono ancora rassegnati, arresi alla comune informazione depistante.
Chiunque vorrà rendere un servizio informativo importante potrà condividere e divulgare questo video.

Ascolta IL TIPICO DISCORSO DELLO SCHIAVO di Silvano Agosti:

Paolo Barnard: COME L’EURO DISTRUGGE L’ITALIA

Paolo Barnard: LE MAFIE, I PIFFERAI E I TOPI

Paolo Barnard: IL COLPO DI STATO IN EUROPA – trattato di Lisbona

Categoria
Intrattenimento
Licenza
Licenza YouTube standard

Basta un “Mi Piace” per aumentare la visibilità di questa pubblicazione e permettere ad altri di vederla e condividerla. Clicca su “Mi Piace”

Il tempo della demagogia e’ scaduto ..

Consiglierei il Governo di dimezzare le imposte e tasse, per rivedere l’economia risollevarsi dalla recessione. Basta privilegi di pochi e miseria ormai assicurata per gli Italiani, anche per le prossime generazioni. Ad oggi, manca lo slancio per ripartire. Quando vedremo una inversione di tendenza da parte della politica? basta slogan, basta illusionismo, basta demagogia! La politica ha giocato tutte le sue false carte dei tarocchi e la situazione e’ la recessione, il baratro della disperazione. Avete afferrato il concetto? basta fare i bambini viziati e prendere in giro una intera nazione, colpevole di aver votato politici che non stanno facendo gli interessi della nazione ma sempre i propri personali e di partito. Il governo Renzi tira a campare, come da routine! le riforme non le ha chieste nessuno, solo il Drago della Bce, l’Ue e la signorina Merkel. Intanto l’Italia precipita sempre piu’ nel baratro! le riforme che stanno facendo, inducono il Paese in deflazioe e dovrebbero favorire solo la speculazione internazionale. L’Italia e’ in liquidazione fallimentare, altro che ripresa, altro che il nuovo che avanza! Il tempo della demagogia e’ scaduto e non ha prodotto risultati proficui per la nazione, assicurandole solo miseria.

crisi2

Basta un “Mi Piace” per aumentare la visibilità di questa pubblicazione e permettere ad altri di vederla e condividerla. Clicca su “Mi Piace”

Il ” Debito Pubblico Italiano “

Aggiornamento debt-clock
Per il mese di settembre 2013 ci sarà un incremento giornaliero di 192.929.120 euro, 2.233 euro al secondo.
Nel corso del 2011 e del 2012 il nostro Paese ha contribuito in maniera sostanziale al fondo EFSF (il c.d. fondo “salva stati”) conferendo oltre 20 miliardi di euro nel 2012 (erano 3,1 nel 2011 e 0 nel 2010 – Bollettino statistico bankitalia, pag 11, tav.4, serie S441461M), il grosso dei quali versati a marzo e aprile. Inoltre a ottobre e novembre Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime del debito dal 1997 al 2005, eseguendo la decisione Eurostat del 31 luglio 2012 che ha previsto inclusione debiti commerciali PA ceduti a intermediari finanziari con clausola pro soluto.
Queste voci “straordinarie” hanno comportato la sottostima del nostro “orologio” che effettua le sue stime sulla base dei dati degli ultimi 15 anni. Al netto di questi eventi imprevedibili, l’orologio stima l’ammontare del debito con un margine di errore inferiore all’1 per cento.

Il debito pubblico
Quanto vale il debito pubblico italiano? Sebbene il dibattito pubblico non possa prescindere da questo dato, è spesso difficile “visualizzare” cifre tanto grandi. Con questo “orologio”, l’Istituto Bruno Leoni vuole rendere accessibile a tutti la mostruosità del nostro debito pubblico, che poi dà la misura sia dell’irresponsabilità della nostra classe politica, sia degli oggettivi vincoli di finanza pubblica a cui il nostro Paese deve sottostare.

L’orologio aggiorna ogni 3 secondi la nostra stima dello stock di debito, che si basa su – e viene continuamente corretta con – i rapporti mensili della Banca d’Italia. In questo modo vogliamo aiutare i cittadini a capire cosa si intende, quando si dice che siamo gravati di un debito pari a circa il 120 per cento del prodotto interno lordo. Per rendere il concetto ancora più chiaro, basta considerare che questo debito a 13 cifre (valore riferito al 31 luglio 2010) equivale a circa 30.724 euro per ogni italiano, inclusi neonati e ultracentenari, ovvero 80.327 euro per ogni occupato. Tra gennaio e luglio 2010 il debito pubblico è aumentato di 50.100.143.820 euro, più di 7 miliardi al mese, 236 milioni al giorno, quasi 10 milioni di euro all’ora, 164.112 euro al minuto. Ogni secondo, questo debito immenso è cresciuto di 2.735 euro, più di quanto guadagni una famiglia media in un mese.

L’orologio del debito fornisce una stima dello stock di debito pubblico italiano in tempo reale. La base di partenza è costituita dai dati forniti dalla Banca d’Italia. Poiché i dati rilasciati si riferiscono a due mesi prima, il nostro debt clock stima l’ammontare per i mesi successivi sulla base dei dati storici. Si tratta dunque di una previsione, e in quanto tale, soggetta a possibili errori di misurazione/previsione.
È in preparazione uno studio, ad opera di IBL, che, ad un anno dalla realizzazione del debt clock, valuti la performance dello strumento.

E il TUO debito?
Se visualizzare l’ammontare complessivo del debito pubblico italiano è difficile, capire a quanto equivale il peso del debito su ciascuno di noi può dare una misura dell’enormità di questo dato. Oggi ogni italiano, da quando lancia il primo vagito in sala parto e senza rispetto per l’età veneranda, ha mediamente una quota di debito pari a oltre 30.000 euro.

Questa somma può essere visualizzata nell’immagine in calce. Le cifre, apparentemente, non si muovono, ma portando il cursore del mouse sul contatore l’aumento continuo del vostro debito personale si paleserà in tutta la sua drammatica inarrestabilità.

L’orologio è “esportabile” sul vostro sito o blog. Le istruzioni sono qui di seguito.

Sul tuo PC
Da oggi è disponibile anche uno screensaver con l’orologio del debito aggiornabile. Le istruzioni per scaricarlo e installarlo sono più avanti in quesata stessa pagina.

(Stima del debito: Luciano Lavecchia; grafica e sviluppo: AlfaPi)
Spiegazione facile del debito pubblico
Il debito pubblico italiano è l’emergenza della nostra epoca: la sua presenza è una minaccia costante per il nostro futuro, per i nostri sogni e progetti. Creatura quasi mitologica per le giovani generazioni, condiziona e condizionerà la nostra vita personale, riducendo la nostra capacità decisionale, incidendo direttamente nella vita di ogni giorno. Eppure si sa cosi poco di esso, come si è generato, a quanto ammonta, come ridurlo in maniera sostanziale. Il nemico più letale, perché invisibile ai più.

Noi di IBL crediamo nella libertà di ogni uomo di fare scelte consapevoli, in ossequio al principio del “Conoscere per deliberare”. Scoprite con noi il debito pubblico italiano (PDF).

http://www.brunoleoni.it/

brunoleoni.itdebito pubblico settembre2014

Basta un “Mi Piace” per aumentare la visibilità di questa pubblicazione e permettere ad altri di vederla e condividerla. Clicca su “Mi Piace”

Il primo passo per il nuovo ordine mondiale, banche private!

Un impareggiabile Beppe Grillo ci parla di “Signoraggio Bancario” e debito pubblico…prendete appunti!

Basta un “Mi Piace” per aumentare la visibilità di questa pubblicazione e permettere ad altri di vederla e condividerla. Clicca su “Mi Piace”

Sgarbi attacca l’euro

Basta un “Mi Piace” per aumentare la visibilità di questa pubblicazione e permettere ad altri di vederla e condividerla. Clicca su “Mi Piace”

Trova le differenze:

È ora di guardare in faccia la verità e avere il coraggio di proclamarla. Uno Stato che impone fino all’80% di tasse vessando il bene rifugio primario della casa, lucrando sulla vendita degli alcolici, delle sigarette, della benzina e del gioco d’azzardo non può che essere qualificato in un solo modo: Stato mafioso. In Italia la vera Mafia è lo Stato. Se ieri il Papa ha scomunicato la Mafia sappia che l’oggetto della scomunica sono i signori in giacca e cravatta a cui stringe la mano e si presentano come rappresentanti dello Stato. Con l’augurio che riesca a redimerli e a salvare le loro anime. VOI COSA NE PENSATE?

stato mafia

Basta un “Mi Piace” per aumentare la visibilità di questa pubblicazione e permettere ad altri di vederla e condividerla. Clicca su “Mi Piace”

Regole di interesse generale:

REGOLE:

1) INCANDIDABILITA’ a vita degli eletti al Governo, al Parlamento, alle Regioni e Comuni, se NON si raggiungono gli OBIETTIVI.

2) INCANDIDABILITA’ a vita degli ELETTI che NON rispettano gli OBBLIGHI.

3) Colpa e Responsabilità Condivisa.

OBBLIGHI:

1) Rispetto delle promesse elettorali.1) La Costituzione Italiana regolamenta e salvaguarda le Leggi e le Norme dello Stato emanate in favore del Popolo, mentre è scopo comprimario della politica-partitica, senza alcuna forma o dicitura che induca al VOTO DI SCAMBIO, provvedere al suo benessere, crescita, sviluppo e miglioramento esistenziale in vita!

a) Sulla parte ECONOMICA con effetto immediato.

b) Sulla parte STRUTTURALE e RIFORME il termine è dell’ intera Legislatura.

2) Rimanere nel partito dove si è eletti, altrimenti si possono dare le dimissioni ed essere RICANDIDABILI.

3) Sospensione della professione per conflitto di interessi.

4) Priorità della Spesa Pubblica.

5) No ai doppi incarichi pubblici.

OBIETTIVI:

1) Riduzione del Debito Pubblico di 20 MILIARDI di Euro su base annua e complessivamente di 100 MILIARDI di Euro per l’ intera Legislatura.
2) Cresita del PIL.
3) Minor TASSE.

EFFETTI E CONSEGUENZE:

1) L’ incandidabilità a vita dei POLITICI NON rieleggibili, per mancato raggiungimento degli OBIETTIVI, farà decadere in maniera CONSEGUENZIALE i ” POTERI FORTI”.

2) Verrà a mancare il partito ” PADRONALE ” in quanto l’ intera classe politica dovrà impegnarsi per il raggiungimento degli OBIETTIVI.
3) Effetti POSITIVI a ” cascata e conseguenziali ” sull’ Economia e sul Popolo.

REGOLE per una normativa vera e reale della POLITICA.

OBBLIGHI per l’ impegno e la serietà della POLITICA.

OBIETTIVI per ” mandare tutti a casa ” i politici che NON lavorano per il bene del POPOLO.

NON UNA POLITICA DI SPERANZE… MA UNA POLITICA DI CERTEZZE!

fonte: Movimento FiduciaZerØ : https://www.facebook.com/movimento.fiduciazero

politica senza soldi

coscienza etica

Basta un “Mi Piace” per aumentare la visibilità di questa pubblicazione e permettere ad altri di vederla e condividerla. Clicca su “Mi Piace”

“ Nel tempo dell’inganno universale dire la verita’ e’ un atto rivoluzionario ” – George Orwell

La democrazia e’ stata sostituita con la tecnocrazia coatta.
La Costituzione non viene osservata, con il pretesto dello stato di urgenza e necessita’…

Pensiamo all’applicazione di tasse come l’imu e la Tax service, che costringe molti a vendere, a rimettere sul mercato delle proprietà. Il fatto poi di creare imposizioni alte fa’ anche si che il mercato si saturi di beni in vendita, con buona pace dei valori.

Risultato, la gente svende perché non riesce a mantenere beni. La gente che svende è tantissima ed i prezzi degli immobili crollano (dall’inizio della crisi hanno perso più o meno il 50% del valore originario) valore questo che ha addirittura creato problemi agli istituti di credito. In buona sostanza affari d’oro per chi ha liquidità, per finanziarie, immobiliari, Soc estere, per la classe dirigente Italiana ed oltre confine. Il governo ha firmato il FATCA, questione complessa ma che nella sostanza si traduce nell’avallo a non far investire e ad attrarre ricchezze americane e nello stesso tempo nel via libera ai capitali che da qui vanno in America.

Il primo è una forma di esproprio indiretto da piccolo privato a grande privato, il secondo è un vero e proprio sabotaggio pubblico, un vero e proprio danno economico al Paese.

Fanno passare con decreto urgente, emendamenti e
delibere da votare ( es. il caso dell’imu insieme ad altre materie del tutto estranee e che provoco’ la scenata dei Parlamentari del M5S, che stimo e seguo sui social e sul portale del Blog di Beppe Grillo.

Ormai la situazione e’ drammatica. Altro dato:

Continuano a fare le stesse cose, sperando di ottenere risultati diversi.

Pare sia un capitolo osservato nelle cliniche psichiatriche, dove avrebbero, i responsabili politici dei partiti tradizionali, trovato piu’ meritata ed equa collocazione.

crisi di valori

Basta un “Mi Piace” per aumentare la visibilità di questa pubblicazione e permettere ad altri di vederla e condividerla. Clicca su “Mi Piace”

L’euro, l’Europa, la crisi!

L’euro e l’Europa rappresentano la truffa più grande che abbiamo mai visto, se si pensa che anche Renzi non può non riconoscerlo a parole (nei fatti non fa’ nulla per, contrastare perché ne ha tutte le convenienze).

E’ veramente triste che qualcuno ancora possa banalmente e senza alcuna cognizione di causa affermare che l’euro e l’Europa non c’entrano nulla con la grave crisi in Italia. Sarebbe interessante, che spiegassero perché non c’entrano nulla, sentiremmo un serie di banalita’ prive di contenuti.

Andate quindi tranquilli, siete nel giusto! euro ed Europa non costituiscono il carceriere ma il carcere! e le regole che lo alimentano. Dire che e’ un romanzo e che l’ Europa non c’entra nulla significa solamente dichiarare la propria gigantesca ignoranza ed irresponsabilita’.

Come può la moneta in corso non avere responsabilità? nemmeno volendo lo sarebbe possibile, come può l’Europa, la struttura politica in corso, non avere responsabilità?

In giro ascolto solo la totale cecità ed incompetenza che può permettere di dichiarare che non c’entrano nulla! Vorrei solo che questa gente uscisse dalla propria profonda miseria per poter approfittare di piu’ del tempo perso a non approfondire argomenti cosi’ importanti.

Non perdete di vista un dato: l’euro, a differenza della lira, non e’ moneta sovrana degli Stati. Le manovre finanziarie di lacrime e sangue, servono solo a controllare l’inflazione, intanto che il debito pubblico aumenta. Abbiamo un debito pubblico insaldabile, che crea le condizioni di crisi, di recessione, di paralisi. Solo i politici e le Lobbies Finanziarie, non si lamentano, perche’ possono speculare in questo mare di deflazione.

parlamento europeo

debito pubblico

Basta un “Mi Piace” per aumentare la visibilità di questa pubblicazione e permettere ad altri di vederla e condividerla. Clicca su “Mi Piace”