I DUE SOGGETTI DI GRAVINA IN PUGLIA HANNO AMMESSO LE LORO RESPONSABILITA’ MA NON SANNO DA DOVE PROVENGA LA DROGA!

ANCORA UNA VOLTA A GRAVINA IN PUGLIA IN MANETTE DUE GRAVINESI PER SPACCIO DI DROGA
12/08/2018 – I soggetti, pur ammettendo le loro responsabilità, non hanno fornito ulteriori elementi sulla provenienza dello stupefacente.

I Carabinieri di Altamura hanno eseguito 3 arresti in flagranza di reato nell’ambito di servizi di controllo del territorio predisposti nel fine settimana.

In particolare, nel centro abitato del comune federiciano, una pattuglia del Nucleo Radiomobile ha intercettato una Fiat Punto a bordo della quale, durante la perquisizione, sono stati rinvenuti vari attrezzi da scasso.

Gli occupanti, un 36enne ed un 29enne, entrambi pregiudicati di Bari non hanno saputo giustificare la loro presenza sul territorio ed inoltre uno dei due è risultato essere gravato dalla Sorveglianza Speciale di PS, misura di prevenzione che obbliga il soggetto a non uscire dal luogo di residenza senza autorizzazione da parte dell’Autorità Giudiziaria. Per questo motivo, oltre ad essere stati entrambi denunciati per possesso ingiustificato di attrezzi da scasso, per il 36enne sorvegliato speciale, è stato eseguito l’arresto in flagranza di reato.

I Carabinieri di Gravina in Puglia, invece, coadiuvati dai colleghi del Nucleo Operativo della Compagnia di Altamura, nell’ambito dei controlli straordinari del territorio che nei giorni scorsi hanno anche visto impegnato un elicottero ed hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato di due soggetti del luogo, un 34enne pregiudicato ed un insospettabile 52enne, incensurato.

In particolare, nel corso delle perquisizioni eseguite, sia nelle abitazioni che nei garage, i militari hanno rinvenuto e sequestrato complessivamente circa 100 grammi di cocaina e 225 grammi di marjuana pronte per essere immesse sul mercato, nonché un bilancino di precisione e diverso materiale necessario al taglio e confezionamento.

I due soggetti, pur ammettendo le loro responsabilità, non hanno fornito ulteriori elementi sulla provenienza dello stupefacente, pertanto, al termine dell’attività, sono stati arrestati con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacente ed associati al carcere di Bari.

REPORTER

FREELANCER VALTER PADOVANO

Precedente BENI IMMOBILI SEQUESTRATI PIU' DI MILLE. DESTINATI AI COMUNI Successivo LE MANETTE SONO SCATTATE AI POLSI DEI BOSS AD AGLI ESPONENTI DEI CLAN DI COSOLA E STRAMAGLIA

Lascia un commento